Gummi Gutta: il frutto asiatico che fa dimagrire

L’era moderna è sempre stata caratterizzata da una marcata attenzione per la forma fisica. Un po’ per gusto estetico e un po’ per esigenze di salute. Contemporaneamente, la società attuale non ci aiuta nel mantenerci sani e belli. La vita sedentaria, l’alimentazione sbagliata: tutti noi siamo portati a cadere nella trappola del sovrappeso in modo piuttosto facile, se non siamo in grado di mantenere un certo stile di vita costante. Qual è la soluzione? Da qualche anno il sovrappeso ha un nemico su tutti, e si chiama Garcinia Cambogia. Sono certo che vuoi saperne di più e ti accontento subito.

Acido idrossicitrico: cos’è e come funziona

Riprendendo il discorso precedente, possiamo affermare che gli Stati Uniti rappresentino un po’ il simbolo del sovrappeso e ne consegue che è proprio da oltreoceano che la ricerca dei metodi per dimagrire ha dato i risultati più interessanti.

In particolare, un certo Dottor Oz (medico e conduttore televisivo statunitense) ha diffuso tramite la sua trasmissione il metodo garcinia (detta anche gummi gutta), e da allora il prodotto è diventato richiestissimo da tutto il mondo.

Il motivo di tanto clamore è che la gummi gutta sembrerebbe funzionare davvero, in poco tempo e in modo del tutto naturale, senza contrindicazioni. Basta seguire la giusta posologia e mantenere uno stile di vita sano, senza troppi sacrifici.

La sostanza deriva dalla buccia del frutto della gummi gutta, che è una pianta che nasce nel Sud-Est asiatico. Tale buccia contiene acido idrossicitrico (HCA) che funziona da inibitore per l’enzima della citrato liasi, andando a bloccare, di fatto, la trasformazione di quanto ingerito in grassi superflui.

Oltretutto, l’estratto ha ottime proprietà anche per tutto l’apparato digerente e per il cervello.

Come si usa l’HCA e dove comprarlo?

Il prodotto, ad oggi, è acquistabile solo tramite rivenditori online. In questo senso devi fare attenzione a scegliere un venditore affidabile, poiché non è raro imbattersi in truffatori che spacciano un prodotto per un altro, cercando di guadagnare grazie alla grande richiesta per la sostanza.

A livello di utilizzo, gli esperti consigliano l’assunzione di 1500 mg di prodotto al giorno. Una quantità minore potrebbe non fare effetto, mentre una quantità maggiore non dovrebbe superare i 3000 mg al giorno, ma sempre sotto controllo medico e in base alla corporatura. Infine, l’estratto va assunto in gocce o compresse, tra i 30 e i 45 minuti prima di ogni pasto, per permettere alla sostanza di agire e aiutare l’organismo a bruciare i grassi ingeriti più velocemente.