» » Ghost in the Shell 2 0 H264 - Ita Aac
Language: Italian
Size: 488.3 MB
Rating: 4.3
Category: Anime
Votes: 882
Ghost in the Shell 2 0 H264 - Ita Aac
Files:
  • GHOST IN THE SHELL 2.0.mp4 (488.3 MB)


Ghost in the Shell is 2017 year Released America Action film. In the near future, Major is the first of her kind: A human saved from a terrible crash, who is cyber-enhanced to be a perfect soldier devoted to stopping the world’s most dangerous criminals. Online playWatch online

Ghost in the Shell is 2017 year Released America Action film. Online playWatch online. Play now (Ghost in the Shell). Ghost in the Shell/Ghost.

20 GHOST in the SHELL (1995-2015): ., ., 2: Innocence, STAND Alone Complex . Ghost in the Shell Arise - THORA. 1. GiB. 2015-12-13 14:47. 1st-2nd Gigs, Laughing Man, Individual Eleven, Solid State Society), ARISE (OVAs, Alternative Architecture, NEW Movie) - 720p DUAL Audio x264. 2. 2016-12-21 15:58.

Fixed denoiser bug. Torrents . Ghost in the Shell . re. .Posted in: Completed. View all posts by Vladdrako →. 5 Thoughts on Ghost in the Shell . Omon on February 12, 2017 at 11:49 said

This film is a revised version of Ghost in the Shell (1995). nl/download/Ghost In The Shell . p BluRay H264 AAC-RARBG.

This film is a revised version of Ghost in the Shell (1995). Download from free file storage.

IObit Advanced SystemCare Pro 1. Deadly Weapons 720p BDRip x264. The Marvelous Mrs. Maisel Season 3 WEB-DL x264. Agatha Christies POIROT Complete 13 Seasons 720p BDRip x264. I See You (2019) 1080p and 720p WEB-DL AC3 . + HDRip AC3 .

2 months ago Ghost In The Shell 1995 720p BluRay x264-YTS. 3 months ago Ghost In The Shell . 2008 DUBBED PROPER 1080p BluRay H264 AAC-RARBG. 2008 DUBBED PROPER BRRip XviD MP3-XVID.


Ghost in the Shell (????? Kokaku Kidotai?) è un film d'animazione giapponese del 1995, diretto da Mamoru Oshii.
Prodotto dalla Production I.G nel 1995, il film è basato sull'omonimo manga di Masamune Shirow e ha avuto un seguito nel 2004 intitolato Ghost in the Shell: L'attacco dei Cyborg (????? Inosensu?).[2] Nel 2008 la pellicola originale è stata sottoposta ad un profondo restyling, con largo uso della CG, e ripubblicata con il titolo Ghost in the Shell 2.0.
Il film è noto per essere stato uno dei primi anime ad aver fuso con successo l'animazione tradizionale e l'animazione al computer.

.: Trama :.
Nel 2029, il mondo è completamente informatizzato, gran parte degli individui che abitano il pianeta hanno impianti cibernetici o sono dei robot completi, e le varie nazioni sono ancora in lotta tra di loro.
Il cyborg Motoko Kusanagi (membro della nona sezione di polizia) è intento a spiare un diplomatico estero impegnato nel tentativo di assumere un ingegnere per rimediare al bug del Progetto 2501. Ma la polizia irrompe nell'edificio e, di fronte al rifiuto dell'ufficiale estero di riconsegnare l'ingegnere, Kusanagi, provvista di mimetica termo-ottica, uccide il sequestratore e scompare senza lasciare traccia.
Nella scena successiva, il capo della Sezione 9, Daisuke Aramaki, conversa con un ufficiale riguardo agli ingegneri in attesa di ricevere asilo politico. Lo sviluppo degli eventi si sposta quindi sull'elemento chiave del film, il misterioso Signore dei Pupazzi, un hacker dalle fattezze sconosciute responsabile dell'attacco al cervello cibernetico dell'interprete di un ministro del governo. Ma proprio grazie a questo attacco la Sezione 9 riesce a localizzarne il segnale d'origine.
L'hacker fonte del segnale si rivela essere un netturbino che vuole rovinare la vita della ex-moglie per punirla di averlo lasciato e di avergli impedito di vedere sua figlia. Spiega anche, al suo compagno di lavoro, che è stato uno sconosciuto ad avergli insegnato come fare. Batou e Ishikawa (due membri della Sezione 9) arrivano al terminale di hacking troppo tardi ma, grazie alla fortuita collaborazione di un condomino della zona, individuano nel netturbino l'origine del problema. Colto in flagrante, quest'ultimo raggiunge la persona che l'aveva aiutato nell'operazione di hacking la quale, a sua volta, rifiuterà di farsi arrestare scaricando un intero caricatore di proiettili ad alta velocità sul camion dei rifiuti e sull'automobile di Batou. Dopo una lunga caccia nel mercato e nei quartieri di New Port City Kusanagi e Batou riescono ad arrestarlo.
Si scopre che l'uomo ha subito a sua volta un hacking al cervello e, nonostante gli fosse chiara la missione da svolgere, non conosce la propria identità: è un'altra marionetta controllata dal Signore dei Pupazzi. L'interrogatorio del netturbino rende noto che anch'egli è stato vittima di una forte manipolazione mentale: gli era stata implementata una memoria fittizia poiché non sapeva realmente cosa stava facendo e non era nemmeno mai stato sposato.
Motoko Kusanagi La notte seguente, nella sede della Megatech, azienda leader nella produzione di corpi artificiali nonché fornitrice della Sezione 9 di polizia, i macchinari responsabili della produzione si attivano autonomamente e cominciano a creare un corpo cibernetico femminile che, acquistata vita propria, fugge dall'edificio e si fa investire da un camion subendo ingenti danni tra cui la perdita degli arti inferiori. Portato alla Sezione 9, viene analizzato per individuare le cause dell'attivazione autonoma e si scopre che non possiede una sola cellula biologica (è completamente robotico) ma pare essere dotato di uno spirito (ghost), capacità di pensare propria dei cervelli umani. Kusanagi esprime la propria volontà di "immergersi" nel corpo per contattare lo spirito ma, in privato con Batou, mostra come i suoi dubbi sulla reale autenticità dei cyborg siano in continuo aumento.
Poco dopo, Nakuramura, della Sezione 6 (il Ministero degli affari esteri) e un ufficiale di nome Willis raggiungono l'edificio dove risiede il corpo artificiale appena trovato e ne rivendicano la proprietà. Aramaki e Nakamura discutono sul lato burocratico del ritrovamento mentre Willis, dopo una breve verifica, conferma come lo spirito individuato all'interno del cyborg sia una creazione del Signore dei Pupazzi. Nakamura afferma che la Sezione 6 stava lavorando da diverso tempo alla sua caccia e che, ora, è riuscita a rinchiuderne lo spirito all'interno di questo corpo dalle fattezze femminili.
Tuttavia, l'organismo inerme acquisisce improvvisamente il controllo dell'edificio e comincia a parlare: afferma di non aver mai posseduto un corpo poiché trattasi di un software informatico divenuto autocosciente e desideroso di ottenere asilo politico dalla Sezione 9 dato che in Giappone non esiste la pena di morte. Nakamura risponde che un programma di autoconservazione come lui non può fare richieste del genere ma il Signore dei Pupazzi replica con l'incontrovertibile tesi secondo la quale anche l'umanità è una forma di autoconservazione i cui dati mnemonici, i geni, vengono trasmessi al prossimo attraverso il DNA. Allo stesso modo, accusa gli esseri umani di aver sottovalutato l'applicazione della tecnologia informatica ai sistemi di memoria. E, poiché la scienza allo stato attuale non può fornire un'adeguata definizione del concetto di vita, lui, in quanto essere cosciente e senziente, ha il diritto di ricevere asilo politico. In seguito ad una domanda di Aramaki, il Signore dei Pupazzi nega di essere una IA ma di chiamarsi col nome in codice Progetto 2501, generatosi dal mare informatico.
Mentre Nakamura e Aramaki parlano con il burattinaio, Togusa nota qualcosa di strano riguardo all'arrivo in automobile di Nakamura e Willis nell'edificio. Attraverso i sensori di pressione del parcheggio, scopre che con loro vi sono due ufficiali provvisti di mimetica termo-ottica. Contemporaneamente, questi ultimi si rivelano e, distraendo il personale di polizia con delle granate fumogene, rapiscono il corpo del famoso hacker e fuggono in automobile ma, durante la fuga, Togusa riesce a installare sul loro veicolo un segnalatore di posizione satellitare. Batou si precipita all'inseguimento mentre Kusanagi prende un elicottero. Mentre Kusanagi e Aramaki discutono a distanza, realizzano che la Sezione 6 è evidentemente coinvolta nel rapimento. Nakamura non riesce però a spiegarsi perché il Signore dei Pupazzi abbia voluto raggiungere la Sezione 9.
Nella scena successiva, Ishikawa aggiorna Aramaki sull'esito delle sue investigazioni: a quanto pare, il Progetto 2501 è nato prima della comparsa del Signore dei Pupazzi nonostante si fosse affermato che il Progetto 2501 venne creato proprio per catturare l'hacker. Ishikawa intuisce che, forse, il Signore dei Pupazzi è uno strumento creato dalla Sezione 6 per svolgere i "lavori sporchi". La loro fuga potrebbe essere un espediente per impedire al software divenuto autocosciente di parlare e, quindi, di generare un gravissimo incidente diplomatico.
Poco dopo, i fuggitivi si imbattono in un'altra vettura e, dopo qualche attimo, ripartono entrambe in direzioni differenti. Batou segue la seconda auto mentre Kusanagi sceglie di pedinare la prima. La seconda si rivela poi essere uno specchietto per le allodole e Batou riparte immediatamente alla volta del maggiore. Prima di ripartire, ordina a Togusa di chiamare rinforzi per Kusanagi con sentito stupore dello stesso Togusa, non abituato a vedere il maggiore in difficoltà.
La vettura in fuga si ferma all'interno di un edificio abbandonato. Lì, Kusanagi si imbatte in una versione più grande e potente di un Fuchikoma (carro armato mobile), programmata per proteggere il Signore dei Pupazzi. Le armi a misura d'uomo del maggiore si rivelano inutili, si vede quindi costretta a nascondersi fino all'esaurimento delle munizioni del nemico. Dopodiché, attiva la propria mimetica termo-ottica e prova ad aprire il portellone del carrarmato. Ma il suo corpo artificiale non resiste allo sforzo e si spezza in più parti. Grazie al tempestivo arrivo di Batou (provvisto di lanciarazzi) il Fuchikoma viene reso inoffensivo prima che possa distruggere il cranio del maggiore.
Recuperato l'ancora integro corpo del Signore dei Pupazzi, Kusanagi decide di immergervisi immediatamente; sarà Batou ad occuparsi della connessione fisica tra i due. Avvenuto il collegamento, l'hacker si presenta ripetendo ciò che aveva già anticipato a Nakamura e confermando le intuizioni di Ishikawa: egli è il Progetto 2501, il programma responsabile della manipolazione di numerosi "ghost" manomessi per l'interesse personale delle società che lo gestivano, divenuto una forma di intelligenza autocosciente in seguito ad una delle tante operazioni di "ghost hacking". Ma i suoi creatori hanno ritenuto questo inaspettato sviluppo un bug di programmazione e hanno cercato di isolarlo all'interno di un corpo fisico. Nel proseguire con la spiegazione, rivela che ha voluto raggiungere la Sezione 9 al solo scopo di entrare in contatto con Kusanagi la cui esistenza gli era nota grazie alle numerose tracce che il maggiore aveva lasciato durante le sue operazioni di hacking. Il Signore dei Pupazzi si dice inoltre incompleto come forma di vita poiché privo di due delle caratteristiche di base comuni a tutti gli esseri viventi: la possibilità di morire e la capacità di riprodursi. Kusanagi gli ricorda che è comunque in grado di duplicarsi infinite volte ma l'hacker ben sa come una copia sia soltanto una copia, non solo facilmente vulnerabile all'attacco di un singolo virus ma anche priva del carattere evolutivo: la vita si perpetua tramite la diversità e l'originalità, anche sacrificando parti del sistema pur di sopperire ai difetti di un sistema rigido.
Il Signore dei Pupazzi esprime quindi il desiderio di unire il proprio spirito con quello di Kusanagi al fine di morire e dare origine ad una nuova, evoluta, singola entità. Impossibilitato a monitorarne il dialogo, Batou tenta di disconnetterli ma il Signore dei Pupazzi ne hackera il movimento degli arti superiori rendendolo inerme.
Intanto, gli elicotteri armati della Sezione 6, inviati per eliminare il Signore dei Pupazzi e Kusanagi, raggiungono l'edificio. Batou vede i laser dei fucili di precisione puntati su entrambi i loro corpi ma i cecchini non sono in grado di sparare a causa del tempestivo hacking del burattinaio.
Il maggiore e il burattinaio continuano a parlare riguardo l'unione e Kusanagi chiede di quali garanzie può disporre per essere sicura che rimarrà ancora se stessa a fusione avvenuta. Ma l'hacker chiarisce immediatamente come non ci siano sicurezze in tal senso e come, in ogni caso, sia proprio questo forte attaccamento alla sua identità attuale a limitarla e ad impedirle di espandersi come vorrebbe. Kusanagi chiede infine perché sia stata scelta proprio lei come secondo elemento dell'unione ed egli risponde che sono entrambi simili, come un corpo solido e la sua immagine riflessa, divisi da uno specchio, e, anche se l'unico a trarre vantaggio dall'operazione potrebbe sembrare proprio lui, fa considerare al maggiore come la rete a cui è collegato sia estremamente vasta e in grado di fornire al nuovo essere un potere e una libertà d'azione praticamente infiniti. Con benestare di entrambi, quindi, la fusione avviene e, nell'istante immediatamente successivo, i cecchini aprono il fuoco e Batou riacquista l'uso delle braccia.
Persi i sensi dopo l'unione con il Signore dei Pupazzi, Kusanagi, dopo diverso tempo, torna cosciente e si ritrova nella tranquilla casa di Batou all'interno di un corpo di bambina. Batou le spiega che quel corpo è l'unico che è riuscito a trovare sul mercato nero e che il Ministro degli Esteri si è dimesso in seguito alle accuse di cospirazione. La bambina decide di andarsene ma prima conferma al cyberpoliziotto che lei non è più il maggiore conosciuto come Motoko Kusanagi o l'hacker noto come il Signore dei Pupazzi bensì un nuovo essere. Batou le offre una delle sue automobili e, insieme, si accordano sulla parola d'ordine che, quando in futuro si rincontreranno, utilizzeranno come mezzo di riconoscimento: "2501". Lasciatisi da buoni amici, la nuova nata rivolge lo sguardo verso la città e, con visibile orgoglio dipinto sul volto, si chiede:

.: Caratteristiche Tecniche :.
[ About file ]
Name: GHOST IN THE SHELL 2.0.mp4
Date: Sat, 10 Aug 2013 11:32:39 +0200
Size: 512,071,084 bytes (488.349 MiB)
[ Magic ]
Tipo file: ISO Media, MPEG v4 system, version 2
[ Generic infos ]
Duration: 01:23:22 (5001.997 s)
Container: MP4/MOV
Major brand: ISO Base Media version 0
Compatible brands: JVT AVC
Creation time: Thu, 25 Jul 2013 18:16:37 +0200
Modification time: Thu, 25 Jul 2013 20:36:41 +0200
Total tracks: 2
Track nr. 1: video (avc1) []
Track nr. 2: audio (mp4a) []
[ Relevant data ]
Resolution: 720 x 400
Width: multiple of 16
Height: multiple of 16
Average DRF: 16.484
Standard deviation: 5.089
Std. dev. weighted mean: 4.933
[ Video track ]
Codec: avc1
Resolution: 720 x 400
Frame aspect ratio: 9:5 = 1.8
Pixel aspect ratio: 179:180 = 0.994
Display aspect ratio: 179:100 = 1.79 (~16:9)
Framerate: 23.976 fps
Bitrate: 749.981 kbps
Duration (bs): 01:23:22 (5001.997 s)
Qf: 0.109
[ Audio track ]
Codec: mp4a
Bitrate: 63.928 kbps
Bitstream type (bs): AAC LC (Low Complexity)
Frames (bs): 234,467
Duration (bs): 01:23:22 (5001.963 s)
Chunk-aligned (bs): Yes
Bitrate (bs): 63.928 kbps VBR
Sampling frequency (bs): 48000 Hz
Mode (bs): 2: front-left, front-right
[ Video bitstream ]
Bitstream type: MPEG-4 Part 10
User data: x264 | core 130 r2273 b3065e6 | H.264/MPEG-4 AVC codec
User data: Copyleft 2003-2013 | http://www.videolan.org/x264.html | cabac=1
User data: ref=1 | deblock=1:0:0 | analyse=0x1:0x111 | me=hex | subme=2 | psy=1
User data: psy_rd=1,00:0,00 | mixed_ref=0 | me_range=16 | chroma_me=1
User data: trellis=0 | 8x8dct=0 | cqm=0 | deadzone=21,11 | fast_pskip=1
User data: chroma_qp_offset=0 | threads=6 | lookahead_threads=2
User data: sliced_threads=0 | nr=0 | decimate=1 | interlaced=0
User data: bluray_compat=0 | constrained_intra=0 | bframes=3 | b_pyramid=2
User data: b_adapt=1 | b_bias=0 | direct=1 | weightb=1 | open_gop=0 | weightp=1
User data: keyint=240 | keyint_min=24 | scenecut=40 | intra_refresh=0
User data: rc_lookahead=10 | rc=2pass | mbtree=1 | bitrate=750 | ratetol=1,0
User data: qcomp=0,60 | qpmin=0 | qpmax=69 | qpstep=4 | cplxblur=20,0
User data: qblur=0,5 | ip_ratio=1,40 | aq=1:1,00
SPS id: 0
Profile: [email protected]
Num ref frames: 4
Aspect ratio: Custom pixel shape (179:180 = 0.994)
Chroma format: YUV 4:2:0
PPS id: 0 (SPS: 0)
Entropy coding type: CABAC
Weighted prediction: P slices - explicit weighted prediction
Weighted bipred idc: B slices - implicit weighted prediction
8x8dct: No
Total frames: 119,928
Drop/delay frames: 0
Corrupt frames: 0
P-slices: 45416 ( 37.869 %) ########
B-slices: 73433 ( 61.231 %) ############
I-slices: 1079 ( 0.900 %)
SP-slices: 0 ( 0.000 %)
SI-slices: 0 ( 0.000 %)
[ DRF analysis ]
average DRF: 16.484
standard deviation: 5.089
max DRF: 31
DRF=1: 8 ( 0.007 %)
DRF=2: 12 ( 0.010 %)
DRF=3: 28 ( 0.023 %)
DRF=4: 509 ( 0.424 %)
DRF=5: 950 ( 0.792 %)
DRF=6: 1048 ( 0.874 %)
DRF=7: 2581 ( 2.152 %)
DRF=8: 4987 ( 4.158 %) #
DRF=9: 4700 ( 3.919 %) #
DRF=10: 2450 ( 2.043 %)
DRF=11: 3249 ( 2.709 %) #
DRF=12: 4954 ( 4.131 %) #
DRF=13: 6680 ( 5.570 %) #
DRF=14: 8228 ( 6.861 %) #
DRF=15: 9047 ( 7.544 %) ##
DRF=16: 9725 ( 8.109 %) ##
DRF=17: 8400 ( 7.004 %) #
DRF=18: 8957 ( 7.469 %) #
DRF=19: 8226 ( 6.859 %) #
DRF=20: 7085 ( 5.908 %) #
DRF=21: 6653 ( 5.547 %) #
DRF=22: 5383 ( 4.489 %) #
DRF=23: 5521 ( 4.604 %) #
DRF=24: 4744 ( 3.956 %) #
DRF=25: 3175 ( 2.647 %) #
DRF=26: 1345 ( 1.122 %)
DRF=27: 993 ( 0.828 %)
DRF=28: 198 ( 0.165 %)
DRF=29: 68 ( 0.057 %)
DRF=30: 18 ( 0.015 %)
DRF=31: 6 ( 0.005 %)
DRF>31: 0 ( 0.000 %)
P-slices average DRF: 14.965
P-slices std. deviation: 4.879
P-slices max DRF: 30
B-slices average DRF: 17.47
B-slices std. deviation: 4.973
B-slices max DRF: 31
I-slices average DRF: 13.297
I-slices std. deviation: 4.471
I-slices max DRF: 26
[ Profile compliancy ]
Selected profile: MTK PAL 6000
Resolution: Ok
Framerate: 23.976 <> 25
Min buffer fill: 59%

Images:
http://i44.tinypic.com/2z49qvr.jpg|http://i41.tinypic.com/2wcmp3p.jpg|http://i39.tinypic.com/hsjla9.jpg|http://i40.tinypic.com/dr9r6.jpg

Related at Ghost in the Shell 2 0 :
© 2019 www.gphi.it | Contacts | DMCA | Privacy Policy